i-m-ilaria-miliani-reazione-del-corpo-dopo-un-trat-4.jpg

Al momento in cui si svolge la seduta di trattamento le parti del corpo soggette ad una restrizione di movimento ritrovano un certo agio. È necessario sapere che certe zone con diminuzione di motilità hanno il loro impatto sulle altre zone adiacenti “obbligate” a compensare questa ridotta mobilità.

A seguito della manipolazione manuale, il corpo ritrova e fornisce una maggior quantità di energia sia per ristabilire la funzione che per combattere il dolore.

É quindi più che normale che dopo il trattamento subentri uno stato di fatica, congiunto, però, ad un stato di profondo e benefico rilassamento.

Alcune volte potreste avere la sensazione che niente sia cambiato, aspettate, con un po’ di pazienza il mutamento si renderà percepibile.

Dal momento che il corpo ha ritrovato il movimento che gli era necessario, comincia a riorganizzarsi, deve compiere il suo lavoro di regolazione e adattamento.

Potranno essere necessari alcuni giorni e a volte anche una settimana, per far instaurare le modificazioni e i conseguenti adattamenti; ogni persona ha un suo ritmo e non ci sono regole fisse.

Il tempo necessario sarà anche in funzione della distanza dall’instaurarsi della perturbazione, se è una cronicità che vi portate dietro da anni, o se è un effetto di un trauma recente, cambiano le reazioni e i compensi instaurati, quindi cambia anche il periodo necessario per ritrovare l’equilibrio e l’armonia.

Le zone contratte si rilassano, possono instaurarsi sensazioni di contratture, può esserci un aumento del dolore sia nella zona d’origine sia nelle zone circostanti, ci può essere l’aumento dei sintomi viscerali, quali reflusso gastrico, dolori uterini, disturbi del transito intestinale ecc. Nuovi dolori, in zone in abituali possono comparire, non preoccupatevi scompariranno.

Attenzione: è possibile che la sensazione di peggioramento possa durare anche più giorni, non spaventavi, scomparirà.

Ricordate che è il vostro corpo che reagisce in maniera eccessiva al trattamento perchè probabilmente era da troppo tempo soggetto ad un dispendio di energia fisiologica a causa di stress: lombalgia recidivante, torcicollo, posture scorrette, solo per citare i casi più frequenti.

Di solito dopo qualche giorno il corpo ritrova il suo equilibrio. In quel momento il paziente risentirà i benefici della seduta, potrà constatare il miglioramento nella cronologia degli eventi dolorosi, che si diraderanno fino a non presentarsi più e comunque anche l’intensità del dolore sarà notevolmente diminuita.

Dopo un paio di settimane l’individuo avrà integrato tutte le correzioni apportate, se il cambiamento è stato solo passeggero o incompleto sarà necessaria un’altra seduta. Il corpo anche una volta ritrovato il suo equilibrio tenderà a tornare alla situazione alla quale era abituato, soprattutto nei casi di disfunzioni vecchie e ben instaurate. Il nostro corpo possiede una memoria.

Sono consigliati due o tre trattamenti almeno per un effetto soddisfacente e duraturo.